Sindrome di Bartter

Domanda:

Di recente mi è stata diagnosticata una rara sindrome chiamata S. di Bartter, che comporta una maggior perdita di potassio dovuta dai reni che lo trattengono in parte. Vorrei gentilmente sapere se questo problema può crearmi problemi per la mia futura attività di subacqueo in particolare di DIVEMASTER. Eventualmente, essendo anche un praticante di apnea, vorrei sapere se posso continuare a praticare anche quest'attività.

 

Risposta:

La sindrome di Bartter è, normalmente, poco sintomatica e non genera importanti disturbi o alterazioni funzionali, specie se diagnosticata in età adulta. Attenzione dovrebbe essere data alla possibilità di ipovolemia (riduzione della parte liquida del sangue) ed alla frequente alcalosi metabolica. 
L'ipovolemia, come la disidratazione, è un fattore di rischio potenziale e può aumentare la suscettibilità alla patologia da decompressione, se non controllata e ben corretta, ove necessario. 
Per il resto, in assenza di sintomi clinicamente rilevanti o di alterazioni funzionali a carico del rene o di altri organi, non vi sono significative controindicazioni per l'esercizio dell'attività subacquea.