Mal di schiena

Domanda:
Mi immergo da quasi 15 anni, e talvolta quando uso il 12+12 lungo, durante le ultime fasi della risalita mi comincia a dolere la base della colonna vertebrale, solamente quando uso la muta umida (con la stagna, non succede).
Visitato da un medico mi è stata "diagnosticata" una lombalgia dovuta o al freddo, o alla posizione tenuta durante l'immersione. Inizialmente ero propenso a pensare che si trattasse di una PDD, ma visto che si è cominciata a manifestare anche durante gli allenamenti in estra (specialmente con lo squot), e respirando O2 dopo la risalita o in deco, non vi è alcun miglioramento, penso che si tratti di una probabile lombalgia.
Esistono degli esami specifici, o è meglio chiedere una visita in camera iperbarica a Genova? Il mio medico, come unica soluzione mi ha prescritto una compressa di feldene al dì, dicendo che non vi era alcuna altra cosa da fare.

Risposta:


Il problema che descrive è piuttosto frequente e dipende, generalmente, dalla posizione in acqua. Quando questa è tendenzialmente orizzontale e comporta un atteggiamento in iperestensione del collo e del dorso (arcuati indietro) si può generare un certo stress ai muscoli lombari e sulla porzione lombare della colonna.
Il fatto che con la stagna il problema non si verifichi, anche se vi può essere una certa partecipazione del freddo e dell'umidità al problema, può anche dipendere dall'assetto diverso in acqua e dalla diversa posizione della zavorra con la stagna rispetto alla umida.
Suggerirei di controllare attentamente l'assetto e la posizione in acqua e di collegare il fenomeno dolore alle eventuali variazioni di assetto, posizione e zavorra.
In merito agli accertamenti medici, penso che dovrebbe vedere un ortopedico, anche in considerazione che il dolore si è presentato in concomitanza con alcuni particolari esercizi in palestra.