Età e immersione

Gradirei sapere i rischi e le precauzioni da adottare nell'attività subacquea nei bambini e in età avanzata.

 

Risposta:
Età e Immersione (Da Alert Diver)
E' stato raccomandato che i sub più anziani riducano il loro tempo di fondo del 10% per ogni decade di vita dopo i 40 anni.

Importanza dell'Esercizio Fisico.
Il mantenimento di una buona forma fisica è di estrema importanza, specialmente con l'avanzare dell'età. Un programma di esercizio razionale dovrebbe includere un periodo di riscaldamento di almeno 5 minuti, 30 minuti di esercizio continuato ed un adeguato periodo di raffreddamento.
L'obbiettivo deve essere quello di portare la frequenza cardiaca ad un livello predeterminato durante i 30 minuti di esercizio continuato.
La frequenza ideale può essere ricavata da questa formula: (220 - età) x 0.70.
Per esempio: se si hanno 60 anni: 220 - 60 = 160. 160 moltiplicato 0.70 = 112 battiti al minuto.
Un altro fattore importante è la gradualità e la costanza ( non meno di tre volte a settimana) del programma di esercizio. Tendini, muscoli, articolazioni possono essere fattori limitanti dell'esercizio, specie se si esagera all'inizio del programma. Ma gli stessi muscoli, tendini ed articolazioni si irrobustiranno con un esercizio graduale.
I sub più anziani devono anche essere più saggi: non devono esitare a pianificare le loro immersioni in modo più conservativo, ne a rimandare o sospendere un'immersione se le condizioni personali o locali lo suggeriscono.

L'altro lato della medaglia....

 

Non ci sono nemmeno limiti certi riguardo all'età minima per l'immersione e quelli che sono stati descritti si basano su dati arbitrari e non sperimentati.

 

Un fenomeno noto sono le cosiddette "silent bubbles" - bolle che non producono sintomi - presenti nel sangue dopo l'immersione. Queste bolle potrebbero teoricamente compromettere il flusso sanguigno a livello delle zone di accrescimento dell'osso giovane, situate alle estremità delle ossa lunghe, compromettendone lo sviluppo.

 

Pertanto si raccomanda che i bambini non superino la profondità di 9 metri, fino a che le cartilagini di accrescimento non si siano consolidate, allo scopo di prevenire il rischio di deformazioni ossee.

 

E' stato suggerito che si dovrebbe aspettare fino a che un bambino pesi almeno 45 kg e sia alto almeno 1,5 metri. Altri hanno suggerito di aspettare fino al raggiungimento del 90% della crescita prevista - un criterio di più facile applicazione, specie per le giovani adolescenti.

 

Ma altrettanto importante è la maturità emotiva. Un bambino deve essere in grado di comportarsi come un compagno d'immersione responsabile e di reagire adeguatamente ad una situazione inaspettata.

 

I genitori "immersione-dipendenti" dovrebbero valutare con molta attenzione l'entusiasmo dei loro figli per l'immersione. I ragazzi potrebbero immergersi semplicemente per compiacere i genitori, mentre in realtà preferirebbero altre attività in cui interagire con coetanei invece che con i pesci!